Intervento del Presidente all'Assemblea elettiva
Pubblichiamo l'intervento che ha tenuto il Presidente durante l'Assemblea svoltasi l'11 dicembre scorso in sede Ascom.

Sono stati cinque anni senza dubbio particolari, che hanno visto una discontinuità politica e di programmazione, tra la caduta della giunta Orsoni, il commissariamento e poi con il sindaco Brugnaro, il continuo cambio dell’assessore al commercio.
Nonostante ciò, l’Ascom ha portato avanti le proprie richieste e battaglie, chiunque fosse l’interlocutore del momento.

Tra queste ricordo, quella ennesima contro l’abusivismo e la contraffazione, con un’incredibile partecipazione di operatori e cittadini all’assemblea pubblica da noi organizzata, allo scopo di capire fino a che punto di illegalità si trovava sommersa questa città. E l’aggiornamento dei dati raccolti sono stati presentati in prefettura ed in comune a testimonianza che il fenomeno si stava pericolosamente allargando.
Abbiamo denunciato anche un’altra forma di abusivismo portata avanti dal settore del trasporto pubblico non di linea di Ascom, ovvero lo stato di irregolarità che dilaga in città, dalle licenze rosse a tutti quelli che svolgono il lavoro di taxi senza averne i requisiti, e che nonostante gli esposti fatti negli anni dai consorzi, continuano a svolgere il lavoro di taxi senza averne i requisiti.
Rimarrà nella memoria collettiva, la grande manifestazione di protesta organizzata con tutte le associazioni di categoria trasporto merci, gondolieri e motoscafisti nel chiedere al Comune di sospendere l'applicazione dei provvedimenti del Piano per la sicurezza della navigazione e di aprire un tavolo di concertazione con tutte le categorie pe un nuovo piano del traffico acqueo. Alla fine dopo due giorni di blocco delle merci si è trovato un accordo con l’amministrazione e si è messo fine alla protesta.
E sempre in tema di trasporti, i cui interventi sono stati davvero molti, cito quello dell’autofinanziamento per produrre della segnaletica, per indicare le fasce orarie in cui i vari soggetti interessati possono a turno utilizzare le rive per il carico e scarico merci, dopo che le nostre ripetute richieste al Comune di porre tale segnaletica non sono state ascoltate.
Abbiamo quindi istituito il Premio “Ascom Venezia” conferito agli imprenditori che con la loro attività hanno contribuito alla crescita sociale ed economica della città storica, volendo così dare un riconoscimento alla professionalità, alla passione e al coraggio di rischiare delle imprese commerciali e turistiche veneziane e uno stimolo al coniugare sempre più tradizione e innovazione.
Per rendere i nostri commercianti ancora più competitivi e offrire un servizio di qualità verso gli ospiti della città, abbiamo organizzato il corso di lingua e cultura cinese.
I diversi incontri sulla corretta compilazione delle etichette svolti in collaborazione con la Camera di Commercio, che ci ha visti presenti in città come anche a Burano.
I festeggiamenti dei 70 anni di Confcommercio che si sono svolti qui a Venezia presso il Teatro La Fenice.
Anche il 2017 ci ha visti infine impegnati su più fronti.
Con il Comune, ci sono stati incontri su vari temi, dai pianini con la richiesta che il plateatico non sia solo una prerogativa dei pubblici esercizi ma anche del commercio, alla realizzazione del banco tipo.
Sul fronte moto ondoso, fornita la collaborazione sull’operazione “onda zero”.
Abbiamo parlato inoltre di decoro, denunciando la continua apertura di discount, negozi ad 1 euro, che sono un pessimo biglietto da visita al turista che arriva. E ci siamo opposti alle proliferazioni degli esercizi di kebab e pizze al taglio che ha visto poi la conseguente delibera che vieta l’apertura di attività «di vendita e di produzione di prodotti alimentari destinati all’asporto e al consumo per strada»
Un nostro rappresentante, il vice presidente Francesco Tagliapietra, è stato eletto rappresentante dei servizi di trasporto pubblico non di linea della commissione disciplina
E di decoro, degrado e sicurezza si è parlato anche nei promettenti incontri con il nuovo questore Vito Gagliardi e il nuovo prefetto Carlo Boffi i quali hanno risposto positivamente alla nostra richiesta di aver maggior controllo sul territorio, anche con pattuglie in borghese.
Uno degli argomenti caldi che ci ha visti occupati in maniera costante, assieme alla FIVA confcommercio nazionale, è stata la direttiva Bolkestein, gestita attraverso l’intesa in Conferenza Unificata che ha visto riconosciuti i diritti e la professionalità delle imprese, mettendole in sicurezza. Ci siamo attivati quindi con l’amministrazione per arrivare preparati al bando del 2018 e abbiamo fornito assistenza ai nostri soci nella presentazione delle domande.
Per primi siamo intervenuti sul fronte dell’anticipo pensionistico previsto per i lavori usuranti chiedendo subito a Confcommercio Nazionale che tale norma sia assimilabile e quindi estesa anche agli operatori del trasporto acqueo (cose e persone) data la tipologia equivalente di attività a quella degli autotrasportatori. Da Roma ci è arrivata quindi l'assicurazione che è già stata sottoposta la problematica nelle sedi competenti e pertanto siamo in attesa fiduciosa.
Abbiamo realizzato il nuovo Sportello Sicurezza, per fornire ai nostri associati un’assistenza continua sul tema sicurezza sul lavoro.
Stipulato un accordo a vantaggio di tutti i nostri soci con importante agenzia assicurativa Axa, seguendo le esigenze che le imprese hanno di assicurare le proprie aziende.
Avviato un protocollo d'intesa per favorire la sanità integrativa con MBA Salute con piani sanitari studiati per sostenere le spese sanitarie e la prevenzione degli associati e dei loro familiari.
Prossimamente verranno aperti altri 2 sportelli importanti per lo sviluppo delle imprese : uno sull'Alternanza Scuola Lavoro per informare e formare gli associati circa le opportunità a seguito del decreto cosdidetto “Buona Scuola” e un altro sul Mepa (Mercato Elettronico per la Pubblica Amministrazione) mercato da cui le Amministrazioni possono acquistare beni e servizi offerti da fornitori abilitati.